Il 6 aprile si è celebrata l’udienza preliminare che vedeva imputato l’uomo marocchino responsabile di aver brutalmente ucciso la moglie Touria e la piccola Hiba che vivevano in città.imageVoce Donna, come da sempre dichiarato alla stampa, si è costituita parte civile a sostegno delle vittime della violenza. Anche il Comune di Pordenone si era dichiarato in tal senso ed aveva partecipato alla fiaccolata di solidarietà organizzata nell’immediatezza dei fatti: un corteo, a piedi, era partito dalla casa dove era avvenuto l’omicidio ed era arrivato fino a Piazza XX Settembre.

La cosa vergognosa, che colpisce i nostri animi è che purtroppo questa Amministrazione non ha mantenuto le sue promesse e non si è costituita parte civile. L’amministrazione Pedrotti, in campagna elettorale, cerca maggior visibilità asfaltando qualche strada piuttosto che dichiararsi pubblicamente ferita e danneggiata da fatti così gravi avvenuti in città in danno di due povere donne marocchine. Su certi fatti che colpiscono la nostra città non si può tacere.

Pin It on Pinterest