Oggi ho incontrato il Dott. Paolo Bordon ed il Dott. Giorgio Simon, dell’Ospedale di Pordenone, per esporre il mio programma elettorale ed ascoltare le aspettative che, rispettivamente, il Direttore Generale ed il Direttore Sanitario, hanno nei confronti della prossima Amministrazione comunale.
nuovo 1
Il tema dominante è stata ovviamente la prevista realizzazione del nuovo Ospedale dal momento che l’aggiudicazione della gara è prevista entro luglio e l’entrata in funzione entro il 2021.

La nuova struttura riunirà anche servizi e funzioni per il cittadino che oggi sono sparpagliati per la città e questo è sicuramente un grande passo avanti per facilitare la vita dei cittadini. Entrambi i dirigenti hanno convenuto sul fatto che, così come previsto dal mio programma, il nuovo Ospedale diventi un hub regionale, in grado di riportare il ruolo essenziale di Pordenone nel suo territorio ma anche un centro di aggregazione, un “locus urbano” attorno al quale la città ricominci a crescere trasformandosi, un PUNTO DI VITA che possa aprire nuovi scenari per Pordenone.

Il Sindaco dovrà garantire una forte collaborazione durante i lavori per i problemi che sorgeranno sulla viabilità e sulla carenza di parcheggi (quello esistente verrà distrutto fino all’apertura della nuova struttura che prevede due livelli, uno interrato ed uno in superficie). Sarà inoltre importante prevedere l’utilizzo della Centrale Tecnologica del nuovo nosocomio per fornire riscaldamento a costo zero per alcune strutture pubbliche.

Credo di aver riscontrato la condivisione anche sulla mia proposta di demolire i padiglioni dismessi per creare un grande parco urbano, aperto alla città con, al suo interno, piccole strutture di svago, ristoro ed aggregazione. Condivisione anche sul restauro del piccolo padiglione ex Sanatorio, importante memoria storica di un’architettura sanitaria ormai scomparsa.

Ho lasciato i mie interlocutori auspicando che, chiunque sarà il nuovo Sindaco, dovrà mantenere un contatto continuo ed operativo con la principale struttura pubblica della città e del nostro territorio.1

Pin It on Pinterest